Qualcosa che non mi torna rispetto a fare il “bene”

image-1Nel praticare il bene verso il prossimo (ciò che oggi semplifichiamo con il termine “volontariato”) alcuni si pongono in una posizione alquanto ambigua se non, in alcuni casi, pericolosa. Da un lato si beano in continuazione del fatto che loro, nel portare avanti la propria opera, non hanno bisogno di nessun’altra risorsa che non sia quella esclusiva dei volontari, dall’altro tendono a occupare tutti gli spazi possibili con atteggiamento egemonico. Il pericolo sta nel porsi e nel porre agli altri la propria azione come l’unica possibile, sottintendendo così come ogni altro tentativo abbia un valore infinitamente più piccolo rispetto al proprio.

Carità però è qualcosa di diverso dalla volontàLa carità origina da una gratitudine vissuta e sperimentata, la volontà invece dipende sempre e comunque dal sentire dell’uomo e dunque è soggetta agli umori di quest’ultimo. La carità non egemonizza, la carità condivide… non solo il “bene”, condivide anche e soprattutto i “beni”.

Buona Pasqua!

HeN_4_DeLubac_600x450

SCUOLE PARITARIE TRA STATO E LIBERTÀ

stanlioeonlio_libertà

È da leggere con attenzione l’intervista rilasciata da mons. Pennisi a Tempi.it riguardo le scuole paritarie che in Sicilia sono state ancora una volta colpite da una politica miope e inconcludente da tutti i punti di vista. Da genitore con due figli iscritti in una scuola paritaria mi sento chiamato in causa, anche e soprattutto per l’impegno che negli anni ho profuso a favore della libertà di educazione, non ultimo l’incontro “Il diritto alla libertà educativa” che organizzai, quasi due anni fa, a Messina in preparazione dell’incontro di tutte le scuole con il Papa che si svolse a Roma il 10 maggio 2014.

Le difficoltà delle scuole paritarie italiane sono oramai noti da anni, pur tuttavia qualche riflessione sul problema si rende necessaria per non finire ancora una volta impantanati nelle sabbie mobili di un dualismo statale – paritario che sta producendo il totale collasso dell’intero sistema scolastico.

La Sicilia ultimamente è alle prese con una altro grande problema, legato alla formazione professionale: numerosi enti di formazione hanno chiuso i battenti per via degli scandali che li hanno travolti, migliaia di operatori sono senza lavoro, schiere di giovani che vorrebbero intraprendere percorsi di formazione professionale non possono farlo. Il sistema della formazione professionale era un sistema variegato, assieme a molti operatori laici vi erano anche operatori di matrice cattolica, e tutti per anni hanno usufruito di ingenti finanziamenti pubblici. Il sistema era però tutt’altro che efficiente ed efficace, ma nessuno ha mai avanzato dubbi o critiche su come veniva gestita la formazione in Sicilia, neanche gli enti cattolici hanno mai tentato un giudizio che riuscisse a porre argini alle storture del sistema che erano evidenti a tutti. Ora la stessa storia, in Sicilia, sembra ripetersi con le scuole paritarie e allora è opportuno porsi qualche domanda per superare quel dualismo cui si faceva riferimento più su: siamo proprio sicuri che gli istituti paritari siano esenti da colpe rispetto al crearsi di una situazione che li vede sull’orlo del baratro? Il disastro formazione ha insegnato o no qualcosa a chi dirige istituti scolastici paritari?

L’esperienza maturata negli ultimi tempi mi spinge a osservare come il problema delle scuole paritarie non sia appena la discriminazione operata dalla politica, quanto l’essersi messe a scimmiottare, pure male, le scuole statali. Le scuole paritarie, che in Sicilia sono per lo più cattoliche, stanno morendo non solo per mancanza di fondi statali, stanno morendo perché il morbo dello statalismo ha colpito pure coloro che le dirigono. Oggi chi ha la responsabilità di una scuola paritaria non riesce a trovare alternative a una gestione totalmente appiattita e dipendente dalla Stato, così ci si ritrova con carismi che hanno notevolmente perso la loro funzione educativa e la creatività dei fondatori diviene sempre più un nostalgico ricordo. Vale la pena ricordare una figura su tutte, don Bosco che operò in un contesto sociale ben più difficile di quello attuale eppure riuscì a mettere in piedi numerose opere e a sostenere e aiutare centinaia di ragazzi senza aspettare che fosse lo Stato a dargli i quattrini necessari per fare quel che ha fatto.

A mio avviso il problema delle scuole paritarie non è più un problema economico quanto un problema identitario. Oggi, nel contesto di grave crisi educativa, i genitori, ancor prima che problemi di natura economica, spesso non hanno ragioni adeguate per mandare i figli in scuole paritarie preferendo le statali. Per quale motivo un genitore dovrebbe mandare il proprio figlio in una scuola paritaria se questa non offre nulla più di quel che offre la scuola statale?

Su questo aspetto i vertici delle scuole paritarie, soprattutto se cattoliche, dovrebbero interrogarsi ancor prima che recriminare sui mancati fondi ricevuti. La missione educativa infatti non può mai essere subordinata a ragionamenti di tipo esclusivamente economico. Le scuole paritarie devono scegliere se continuare a scimmiottare le scuole statali oppure liberarsi dalle catene stataliste per recuperare l’origine della loro missione.

© Tempi.it

La rivincita di Galantino e Carron

Carron-Galantino.png

Don Julian Carron e mons. Nunzio Galantino

Non era difficile prevedere che il Family day, come accadde nel 2007, avrebbe avuto come conseguenza la tentazione della politica. Oggi come allora si sta operando l’appropriazione indebita di un popolo che ingenuamente e genuinamente ha deciso di scendere in piazza per esprimere una visione positiva della società e per difendere la famiglia, non già per avallare i pruriti elettorali di qualche aspirante politico che vuole capitalizzare a proprio favore il grido d’allarme di migliaia di cittadini.

Ora che la Legge Cirinnà è stata votata al Senato e che una parte dei promotori del Family Day ha scoperto le carte sono possibili alcune considerazioni di carattere generale. Anzitutto, si può tranquillamente affermare che la posizione espressa dal segretario della Cei, mons. Galantino, è stata una posizione lungimirante che ha saputo mantenere salda e dentro l’alveo della Dottrina Sociale l’opposizione della Chiesa alla legge sulle cosiddette “unioni civili”. Galantino è stato lungimirante considerato che già in occasione del primo raduno di giugno qualche componente del comitato organizzatore del Family Day mostrò impazienza prendendo decisioni non condivise e gettando così le basi per una disunità del mondo cattolico. Un plauso a Galantino dunque che non ha ceduto alle sirene di una visione muscolare della presenza cristiana nella società per convergere sulle posizioni espresse da Papa Francesco, il quale sta portando la Chiesa a “battagliare” su tutti i fronti ma in modo intelligente.

Ritengo inoltre che sulla scia di Galantino anche don Julian Carron abbia mostrato di avere una chiara visione della situazione che ci coinvolge quotidianamente. A differenza di quanti sostengono che CL abbia operato una “scelta spiritualista”, abdicando al ruolo di presenza originale nella società, don Carron ha capito che, nel contesto in cui viviamo, c’è bisogno di una rinnovata presenza dei cattolici nella società proprio perché le evidenze di un tempo non sono più tali e quindi si rende necessaria un’azione che non dia nulla per scontato. Oggi perché l’esperienza cristiana ritorni a essere incisiva nella società sono necessarie nuove modalità comunicative che favoriscano e aiutino a far incontrare Cristo a chi Cristo non sa più nemmeno chi sia o dove si trovi. Oggi c’è bisogno di ricostruire l’umano dalle fondamenta e solo Cristo è in grado di farlo, saremmo degli illusi se pensassimo che basti una piazza per rimettere l’uomo al centro del proprio io. La piazza al limite può servire da argine temporaneo per un fiume in piena, ma se l’argine non viene sostenuto e rinforzato nelle sue fondamenta è destinato a cedere. Cantava Bob Dilan che tutto ciò che non si rigenera degenera, questo vale anche e soprattutto per l’esperienza cristiana rispetto alla quale nessuno può mai arrivare a sostenere di aver capito una volta per tutte. Il ruolo della Chiesa è aiutare l’uomo in questa continua rigenerazione in Cristo.

Dalle reazioni da parte di coloro che hanno sostenuto il Family Day, alcuni favorevoli altri contrari alla nascita del Partito della Famiglia, si ha l’impressione che si stia tentando di giustificare posizioni che evidentemente erano chiare fin da principio. Sostenere dei valori senza riferirsi a ciò che li ha generati nel corso della storia significa gettare le basi affinché la presenza cristiana divenga totalmente irrilevante nella società. Molti ritengono che di fronte alle sfide antropologiche dei nostri giorni don Carron abbia snaturato la natura del movimento di CL, vista l’evoluzione politica avuta dal Family Day possiamo constatare come invece abbia avuto ragione su tutta la linea. A questo punto onestà intellettuale vorrebbe che qualcuno chiedesse pubblicamente scusa sia a don Carron che a mons. Galantino: non è operando la divisione o affidandosi a persone di dubbia consistenza intellettuale che si rende un buon servizio a ciò che a parole si dice di voler difendere.

La vita fugge, et non s’arresta una hora

La vita fugge, et non s’arresta una hora,
et la morte vien dietro a gran giornate,
et le cose presenti et le passate
mi dànno guerra, et le future anchora;

e ‘l rimembrare et l’aspettar m’accora,
or quinci or quindi, sí che ‘n veritate,
se non ch’i’ ò di me stesso pietate,
i’ sarei già di questi penser’ fòra.

Tornami avanti, s’alcun dolce mai
ebbe ‘l cor tristo; et poi da l’altra parte
veggio al mio navigar turbati i vènti;

veggio fortuna in porto, et stanco omai
il mio nocchier, et rotte arbore et sarte,

e i lumi bei che mirar soglio, spenti.

Francesco Petrarca

#CLdalPapa: Autoreferenzialità, ovvero la scelta tra servire la “struttura” o servire “l’avvenimento di Cristo”

Papa Francesco abbraccia don Julián Carrón

Papa Francesco abbraccia don Julián Carrón

Riporto un brano del discorso che #PapaFrancesco ha rivolto agli aderenti di #CL, durante l’udienza di sabato scorso a Piazza San Pietro, che in me, che faccio parte della storia generata da don Giussani da quasi 22 anni, ha lasciato una profonda traccia. Il brano è il seguente: «Così, centrati in Cristo e nel Vangelo, voi potete essere braccia, mani, piedi, mente e cuore di una Chiesa “in uscita”. La strada della Chiesa è uscire per andare a cercare i lontani nelle periferie, a servire Gesù in ogni persona emarginata, abbandonata, senza fede, delusa dalla Chiesa, prigioniera del proprio egoismo. “Uscire” significa anche respingere l’autoreferenzialità, in tutte le sue forme, significa saper ascoltare chi non è come noi, imparando da tutti, con umiltà sincera. Quando siamo schiavi dell’autoreferenzialità finiamo per coltivare una “spiritualità di etichetta”: “Io sono CL”. Questa è l’etichetta. E poi cadiamo nelle mille trappole che ci offre il compiacimento autoreferenziale, quel guardarci allo specchio che ci porta a disorientarci e a trasformarci in meri impresari di una ONG».

Perché mi ha colpito questo passaggio pronunciato da Papa Francesco? Semplicemente perché, osservando la mia esperienza, ho intravisto uno degli atteggiamenti che, senza quasi accorgermene, ho vissuto almeno sino all’estate scorsa, ovvero l’atteggiamento di chi vive l’appartenenza a CL più come un’appartenenza a una struttura che ad una vita che continuamente ha bisogno di rigenerarsi nella sequela a Gesù. Vivere CL come una struttura e non come l’esperienza del continuo avvenimento di Cristo nella realtà ha come conseguenza il pericolo sottolineato dal Papa: l’autoreferenzialità! E l’autoreferenzialità, a differenza di quanto siamo portati a pensare, non è appena e solo di gruppo, anzi il più delle volte si tratta di autoreferenzialità della persona.

Per capire e approfondire ancor di più cosa il Papa ha voluto dirci parlando di
Continua a leggere →

#CLdalPapa: due cose che ho visto a Roma

Papa Francesco e don Julián Carrón

Papa Francesco e don Julián Carrón

C’è bisogno di tempo e di un gran lavoro per assimilare e far proprie le parole che il Papa ha rivolto a noi aderenti al movimento di CL che sabato siamo andati a incontrarlo a Piazza San Pietro. Due cose però mi hanno particolarmente colpito partecipando all’udienza con Francesco.

La prima riguarda don Carron: osservandolo e sentondogli pronunciare le parole che ha rivolto a noi e al Papa ho avuto la certezza di essere di fronte a un uomo che ha piena consapevolezza del gravoso compito che gli è stato affidato. Allo stesso tempo ho visto un uomo tutto teso a farsi abbracciare dal vicario di Cristo per essere aiutato e sostenuto nella difficile missione che don Giussani ha voluto affidargli.

La seconda cosa vista attiene Papa Francesco: mi è parso schietto e paterno nella fermezza Continua a leggere →

“Noi e la Giulia” e un Sud asfissiato dall’antimafia

la-locandina-di-noi-e-la-giulia

Il film “Noi e la Giulia” pare sia un film da andare a vedere per trarne positivi giudizi. Della pellicola diretta da Edoardo Leo ne parlano Ottavio Cappellani, nella rubrica settimanale “Sicilian comedi” pubblicata su La Sicilia, e Pietrangelo Buttafuoco, nel suo “Il riempitivo” pubblicato su Il Foglio, ed entrambi lo fanno per giungere quasi alla medesima conclusione, ovvero: non è con le teorie che si genera il cambiamento, bensì osservando e mettendosi al servizio della realtà.

“Noi e la Giulia” oltre a essere una commedia sarà forse anche un film di denuncia, una denuncia amara verso istituzioni che continuano a occuparsi di anacronistiche teorie antimafiose, tralasciando di intervenire laddove la criminalità spicciola rende davvero difficile la vita e ogni possibile cambiamento.

Articolo pubblicato su IMGPress.it

Una nuova Lepanto sarà possibile?

I terroristi sono alle porte dell’Italia. “Siamo a Sud di Roma” hanno annunciato quelli dell’Isis e noi, anziché rispondere con un perentorio: “Siamo a Nord della Libia e stiamo arrivando per asfaltarvi”, abbiamo risposto nel solo modo in cui sappiamo rispondere: la codardia! I tempi sono mutati ma noi, come ha dichiarato recentemente il card. Scola, continuiamo a guardare quel che sta accadendo nel mondo islamico «con il nostro tipico atteggiamento borghese» ovvero «seduti sulle nostre belle poltrone con il whiskey in mano, dicendo chi sbaglia e come, e risolvendo i problemi in quattro e quattr’otto».
 
I tempi sono cambiati, ma dalle nostre parti si preferisce continuare come se nulla fosse. Si minaccia la guerra, salvo poi farsela sotto; i soliti pacifintiborghesi di sinistra inneggiano, come sempre, a inutili interventi di peacekeeping; l’Europa, nel completo delle sue istituzioni, tergiversa perché non sa minimante che decisione adottare; l’America ha tutto l’interesse affinché l’Europa sia scenario di nuove guerre (vedi la crisi in Ucraina) e il Mediterraneo la solita instabile melma sociale ed economica. Non dimentichiamo, inoltre, che la Libia oggi è quella che è per la scellerata guerra che Francia, America e Napolitano hanno voluto muovere nei confronti del colonnello Gheddafi, il quale poteva avere tutti i difetti di questo mondo, ma il territorio sapeva bene come controllarlo.
 
Grazie ai soliti illuminati della sinistra radical-chic, che hanno individuato in Gheddafi l’uomo da abbattere a tutti i costi (era pure amico di Berlusconi!) per costruire un mondo più giusto (quando finiremo per dare ascolto ai sinistrati sarà sempre tardi!), oggi non solo ci ritroviamo con focolai di guerra sparsi per tutto il nord Africa, ma ci tocca porre rimedio a un disastro che ogni probabilità avrà conseguenze nefaste per noi tutti.
 
Quel “siamo a sud di Roma” non è appena un annuncio: è un monito! Un monito che non dobbiamo commettere l’errore di sottovalutare. Purtroppo la reazione della politica italiana lascia presupporre che tale monito sarà l’ennesimo campanello d’allarme lasciato cadere del vuoto. Anni e anni di governo mondiale plasmato da una becera cultura progressista non ci consentirà di intervenire come dovremmo contro i terroristi dell’Isis.
 
Siamo stati svuotati di ogni significato, le nostre vite oggi poggiano quasi esclusivamente sull’aspetto materiale della realtà, il fattore metafisico si è fatto di tutto per cancellarlo dal nostro orizzonte di vita e non abbiamo più nulla per cui valga veramente la pena lottare. Non è un caso che oggi il filosofo francese Fabrice Hadjadj, in un bellissimo articolo pubblicato sul settimanale Tempi, affrontando la minaccia che l’Isis rappresenta per l’Occidente, ha posto una domanda a tutti noi: “Abbiamo ragioni forti affinché San Pietro non conosca la stessa sorte di Santa Sofia?”. E’ evidente che il nostro futuro sarà fortemente segnato dalla risposta che riusciremo a dare all’interrogativo posto da  Hadjadj.
 
Nell’attesa di riuscire a trovarla questa risposta non ci rimane che aggrapparci e pregare per il vescovo di Tripoli, che ha dichiarato di non avere nessuna intenzione di lasciare la città, e per tutti i suoi cristiani nella speranza che il loro coraggio e il sangue del loro martirio svegli le nostre coscienze.

@censurarossa

Articolo pubblicato su IMGPress.it

Reset! aderisce alla mobilitazione e propone di integrare il “Manifesto per una mobilità di tutti”

Pubblichiamo il comunicato stampa ricevuto da reset! circa la manifestazione di sabato 14 febbraio circa la continuità territoriale.

Circa un mese fa abbiamo proposto l’iniziativa “#MessinaAnnoZero” che, notizia della quale non possiamo che compiacerci, è condivisa anche dal Sindaco Accorinti e dall’Assessore Pino che ce lo hanno anticipato proprio prima dell’assemblea sui trasporti nell’Area dello Stretto tenutosi nel Salone dei Mosaici di Venerdì scorso.

Chi come noi ha auspicato che gli interessi della Città vengano prima, sempre e comunque, non potrà quindi che essere presente alla mobilitazione di Sabato 14 Febbraio.
La nostra adesione è come sempre accompagnata da alcune proposte che, cosa che chiediamo formalmente e pubblicamente agli organizzatori della Manifestazione, vorremmo venissero incardinate all’interno del “Manifesto”:
1. La scelta di una mobilitazione che mira a tenere assieme tutte le forze politiche, anche in modo trasversale, non si deve però tramutare o limitare ad un’azione dimostrativa e demagogica che salvi tutti a prescindere dai rapporti e ruoli istituzionali che si rivestono. Constatiamo con piacere che anche alcuni degli organizzatori della Mobilitazione e molti dei sottoscrittori del Manifesto sono anche referenti sul territorio del Governo Renzi. Visto però che le soluzioni tecniche, anche le più innovative ed economicamente vantaggiose, avranno bisogno di un avallo Politico chiediamo, ad uno ad uno, a tutti i referenti politici di PD, UDC e NCD che parteciperanno alla mobilitazione di Sabato, ma anche a quelli che non lo faranno, di chiarire pubblicamente e di inserire nel manifesto quali misure ed impegni intendono prendere nei confronti dei propri referenti e dei propri Partiti nel caso in cui il Governo non risolva la questione accettando le proposte del territorio. Si ricordino, ma siamo certi che lo sanno benissimo, che i loro unici interlocutori restano i Cittadini che rappresentano. Se hanno senso di responsabilità ed un approccio etico alla Politica non avranno dubbi e/o difficoltà nello scegliere con chi schierarsi. In tal senso la situazione Politica nazionale e le vicende legate alla fine del “Patto del Nazareno” accrescono il peso dei nostri rappresentanti e dunque se vi sarà unità d’intenti esistono tutte le condizioni Politiche per chiedere con forza che per una volta il nostro territorio non venga depredato. Serve insomma uno scatto di orgoglio! Tale considerazione vale anche per il Presidente Crocetta che, così come gli altri rappresentanti Politici, al di là dei proclami e nel caso in cui le cose non dovessero andare come invece ci auguriamo dovranno prendere atto del fallimento e rimettere la delega che i cittadini gli hanno attribuito col voto. Insomma facciamo in modo che questa ennesima vertenza divenga una “Verifica Politica” capace di evidenziare ai cittadini le differenze enormi che esistono tra chi ha a cuore le sorti del nostro territorio e chi invece vuol fare solo demagogia, speculazione politica e gli interessi di pochi.
Onori ed oneri o meglio, o GUARDIE o LADRI DEI DIRITTI DEI CITTADINI!
2. Chiediamo a tutti i Cittadini che parteciperanno alla mobilitazione di portare con sé la propria tessera elettorale. L’obiettivo di tale proposta non è certamente quello di distruggere le tessere ma solo quello di rimarcare con forza il Nostro Diritto di Cittadinanza, il nostro essere Cittadini Italiani. Agitare tutti assieme le nostre tessere elettorali sarà un gesto simbolico di grande rilevanza capace, al tempo stesso, di sottolineare come non sia accettabile che chi ci Governa non rispetti i DIRITTI COSTITUZIONALI e ricordare ai rappresentanti Politici Nazionali, Regionali e Locali che hanno ricevuto una DELEGA e dunque prima che ai rappresentanti dei Partiti devono rendere conto ai CITTADINI.
3. Condividiamo le proposte della CISL e del Prof. Limosani poiché mirano a costruire, definitivamente e finalmente, un Piano dei Trasporti dell’Area dello Stretto serio e chiaro. Altresì, non individuando alcuna contraddizione tra tali proposte e quella dell’ORSA, consideriamo la soluzione tecnica delle Navi Bidirezionali, come quelle utilizzate per la tratta “Amburgo – Copenaghen”, complementare a quelle suggerite dalla CISL e dal Prof. Limosani poiché tali navi sarebbero capaci di migliorare il servizio e ridurre drasticamente i tempi ed i costi di attraversamento dello Stretto. Invitiamo tutti, noi per primi, a sforzarsi per individuare nelle singole proposte tecniche innanzitutto i punti di contatto e non quelli di frizione al fine di ELABORARE UNA PROPOSTA OPERATIVA UNICA E CONDIVISA. Crediamo ve ne siano le competenze e le possibilità anche perché, vista la gravità della situazione, alternative non ne intravediamo.

reset c’è!

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: