Tornare a vivere in Sicilia? Perché no, in fondo è il posto più cool e trendy del mondo

Durante le ferie del periodo pasquale, trascorse in Sicilia a Messina, alcuni amici mi hanno chiesto perché mai, io che dalla Sicilia sono andato via più di dieci anni fa ormai, mi dico disposto a ritornarci a vivere nel caso in cui si dovessero verificare le giuste condizioni.
Avrei potuto rispondere semplicemente dicendo che 10 anni lontano dalla Sicilia sono già fin troppi, nei loro volti però ho riscontrato una sorta di incomprensione dovuta probabilmente al fatto che oggi pensare di spostarsi da Nord a Sud, e non viceversa, sembra essere diventata una vera e propria folle idea.
Cerco di spiegare allora.
La normalità italiana vuole che lasciare il ricco e prospero Nord per il degradato, incivile e retrogrado Sud sia un’ipotesi che si fa peccato solo a pensarla. Di motivi e spiegazioni che giustificherebbero un’eventuale scelta del genere però se ne potrebbero addurre un’infinità, ciò che più mi preme sottolineare in questo contesto però, e che spero venga compreso, è che il luogo dove si vive non è un fattore secondario nella vita di un uomo e una città che va bene per una persona può ontologicamente non andar bene per un’altra.
Per quel che mi riguarda forse la verità è che dopo 10 anni di peregrinazione su e giù per l’Italia ho maturato la stessa convinzione maturata da Ottavio Cappellani e cioè che in fin dei conti la «Sicilia è il posto più moderno e più trendy del mondo» e che «vivere in Sicilia, oggi, significa essere 200 anni più avanti degli altri, significa vivere ciò che il resto dell’Europa vivrà fra due secoli: l’esplosione e la decadenza della nostra civiltà».
Se è vero, quindi, quanto sostiene Cappellani: «vivere in Sicilia significa essere dei privilegiati perché essa è il luogo più all’avanguardia che c’è», il motivo che mi spinge a voler ritornare nella terra che fu di Archimede è che voglio nuovamente godere dello status di privilegiato.

Annunci

2 Risposte

  1. pigghi po’ colu? ma di quale sicilia parli? vaneggi? ma dove vivi? cosa ne sai delle afrore e degli scarichi di 30 km di industrie peraltro mezze chiuse del siracusano? e della agricoltura distrutta? della immondizia sul cantuccio di ogni strada, autostrada, provinciale e comunale? della deturpazione delle coste ? delle seconde e terze case ovunque dal dubbio aspetto o meglio dall’indubbio gusto? del perbenismo ( la cosa meno peggio e piu comune) del clientelismo, raccomandazioni , corruzione e proliferare di centri commerciali (la nuova forma di cementizzazione e invasione del territorio, e RICICLAGGIO DI DENARO)oh lo so tutto questo è di 200 anni piu avanti, basta aspettare e finisce anche nel resto di italia, allora cazzo… voglio vivere nel passato!mchiaravalvo da siracusa chevive(molto meglio e mene dispiace pure!!!) attualmente in toscana

  2. Maria Chiara Valvo: è chi minchia ha il coraggio di contestarti? Tutto quel che hai scritto è vero, ma che credi che in Toscana sia molto meglio a parte le strade pulite e senza buche?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: