Il declino di Messina è prima di tutto un declino culturale

Il declino di una città, quando è tale, lo si riscontra attraverso precisi indicatori economici, politici, sociali, culturali e ambientali. Stando alle classifiche realizzate da società specializzate in rilevazioni sulla vivibilità delle città italiane – classifiche periodicamente pubblicate da importanti quotidiani nazionali – tali indicatori, da anni ormai, non fanno altro che collocare la città di Messina tra le ultime città d’Italia in fatto di qualità della vita. Un risultato questo che sino a qualche mese fa si poteva tranquillamente giustificare esclusivamente con motivazioni politiche, oggi però questa scusante risulta, oltre che superata, pericolosamente fuorviante: nella crisi che attanaglia Messina la politica è solo un aspetto del problema che invece ha radici ben più profonde e preoccupanti di quanto non si creda. Infatti, se a problemi di tipo economico, politico, sociale e ambientale è sempre possibile far fronte con nuove e moderne strategie politiche (che, scritto per inciso, l’attuale giunta comunale guidata da Genovese non è assolutamente in grado né di pensare, né tanto meno di realizzare), non lo stesso è possibile fare quando ad essere in crisi è l’identità, la cultura di una comunità. Poiché la cultura ha a che fare con l’educazione, se questa non è adeguata o non è trasmessa da maestri in grado di forgiare e formare grandi e forti personalità, giocoforza ne deriva che l’ambiente in cui l’uomo vive e opera risentirà fortemente della sua particolare formazione.
Sviluppare ulteriormente questa tematica sarebbe molto interessante, in questo contesto però è bene puntare l’attenzione su un importante aspetto: la crisi di Messina ancor prima che economica è una crisi culturale. Messina in crisi lo è perché ha smarrito la propria identità e perché i messinesi non vivono più la comunità come l’appartenenza ad un popolo che ha una missione comune da compiere.
Ritornando all’aspetto culturale, ad esempio, non può non allarmare la continua chiusura e il continuo diminuire di spazi e luoghi dove la cultura viene trasmessa e prodotta. Tralasciando per un attimo l’ormai fantomatico e perennemente in costruzione ‘Palazzo della cultura’ (a proposito: chi ha ritenuto opportuno marciare contro il ponte, non ritiene opportuno fare altrettanto per chiedere l’ultimazione di quest’opera?), che dire dei cinema che in città stanno chiudendo i battenti uno dopo l’altro? Adesso l’ora della chiusura sembra essere giunta per il Cineforum Don Orione. I membri del direttivo dell’Associazione che gestisce il cinema, nella lettera inviata ai circa 500 soci, non hanno usato mezzi termini: “Se non otterremo l’aiuto degli enti pubblici istituzionali, purtroppo, dopo 45 anni di ininterrotta attività, saremo costretti a sospendere ogni manifestazione già a partire da ottobre”. E’ probabile che i messinesi, grazie ai principali media cittadini che non informano come dovrebbero e impegnati come sono a capire quale sarà la sorte del Messina dopo la retrocessione, di tale situazione non ne siano nemmeno al corrente e ciò dimostra in modo incontrovertibile un fatto: delle sorti di Messina sono in pochi ad interessarsene e non è detto che a farlo siano sempre i migliori.
C’è da scommettere, quindi, che il Cineforum «Don Orione» alla fine chiuderà i battenti tra l’indifferenza generale, ma chi vuol far sentire la propria voce e vuol far sapere a chi di dovere che la chiusura di un importante e prestigioso cinema – che tra l’altro è il più antico di Messina e uno dei più antichi d’Italia – sarebbe una grave perdita per l’intera collettività può farlo firmando e facendo firmare la “PETIZIONE-APPELLO PER SALVARE IL CINEFORUM «DON ORIONE» DI MESSINA”.
Si tratta di un piccolo ed estremo tentativo di salvataggio dell’unico cinema che ancora proietta film d’autore a Messina.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: