La rivoluzione degli insulti accorintiana

L'ass. Nino Mantineo

Il protagonista dello scontro con il Prefetto di Messina.

Consiglio comunale monotematico quello di ieri sera. Argomento di discussione gli insulti gratuiti dell’ass. Mantineo al prefetto Trotta. La città, com’era prevedibile, si è divisa tra pro-Mantineo e pro-Trotta, di sicuro c’è che Accorinti e la masnada di pseudo amministratori che l’affianca pare non abbiano nessuna intenzione di occuparsi dei veri problemi che urgono i Messinesi e Messina.

Ancora una volta si è preferito trattare una questione importante e cruciale, come l’accoglienza dei migranti che sbarcano sulle nostre coste, per fare propaganda politica a buon mercato sulle spalle della povera gente. Non è questa l’amministrazione che merita Messina, non è questo il governo che meritano i Messinesi. Un governo che artatamente imbastisce polemiche e scontri istituzionali con il solo scopo di distogliere l’attenzione da problemi ben più gravi e urgenti per la città. Ci riferiamo soprattutto alla questione rifiuti e alla discarica di Pace: è stato bravo Mantineo a spostare l’attenzione dei cittadini insultando il prefetto.

Di contro il Consiglio comunale è caduto nel tranello di Mantineo perdendo l’occasione per evidenziare le incongruenze e le incapacità di un’amministrazione inadempiente e inetta. Non basta una generica richiesta, avanzata al Sindaco, “di revocare senza indugio alcuno le deleghe” conferite all’assessore Mantineo, richiesta che siamo sicuri cadrà nel vuoto, è arrivato il momento, se davvero si vuole fare il bene della città, che il Consiglio comunale cominci a denunciare con forza la totale inadeguatezza dell’amministrazione Accorinti, amministrazione che a quasi un anno dalla presa di potere in città non ha praticamente concluso nulla.

Della rivoluzione prospettata nella primavera dello scorso anno nulla è stato realizzato e la città appare sempre più devasta e degradata materialmente e moralmente. Bisogna dire basta a questo scempio quotidiano e denunciare con forza l’inettitudine dell’attuale classe dirigente. Questo è compito non solo degli organi d’informazione e dei cittadini, ma anche e soprattutto dei consiglieri comunali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: