Banche popolari: la #voltabuonapertutti o ancora la #voltabuonapergliamici?

Squali a pranzo

Sul decreto varato dal governo, il cosiddetto Investment Compact, che tra le altre cose impone alle banche popolari di trasformarsi, entro diciotto mesi, in spa si è detto e scritto molto tanto che chiunque voglia farsi un’idea di cosa c’è in ballo con questa operazione, navigando in rete, non ha che l’imbarazzo della scelta. Anche su IMGPress abbiamo scritto sul tema. C’è però un aspetto di tale operazione che sembra essere stato poco approfondito e riguarda l’incredibile modalità con cui si è arrivati al decreto e la Borsa che per due giorni è stata completamente lasciata in balia delle peggiori speculazioni finanziarie.

Un aspetto quello delle speculazioni che ha chiaramente messo in evidenza come il sistema finanziario italiano sia arretrato e con poche regole. Nei giorni precedenti l’annuncio delle riforma si è infatti registrata un’intensa attività sui titoli di alcune banche popolari quotate in Borsa tanto da far nascere il sospetto che

se qualcuno avesse saputo con un po’ d’anticipo l’imminente fuga di notizie sulle intenzioni governative e avesse comprato titoli di banche popolari ai prezzi del momento oggi sarebbe un uomo ricco. Si tratta, secondo quanto riportato da Corriere.it, di sospetti che la Consob vuole approfondire analizzando gli effetti dirompenti che la notizia ha avuto sul mercato a partire da lunedì 19 gennaio. Nel fine settimana, nonostante le prese di profitto di ieri, il Banco Popolare, per esempio, registra un balzo del 21%, Ubi del 15%, la Popolare Emilia del 24% e Banca Popolare di Milano del 21%. Ma lo scatto più spettacolare è quello della Popolare Etruria e Lazio di cui è vicepresidente Pier Luigi Boschi, il padre del ministro per le Riforme Maria Elena Boschi: +65%».

Attorno all’Investment Compact si stanno intrecciando molti dubbi e sospetti avvalorati della constatazione che «raramente un provvedimento legislativo ha avuto un impatto così immediato e violento su una parte del listino. Mentre la norma prendeva forma, a Londra qualcuno preparava le munizioni per la grande speculazione». Sarà la Consob a stabilire se questi fatti sono legati tra loro, di sicuro chi sapeva si è mosso con grande cautela visto che sino a domenica 18 gennaio in Borsa tutto è filato liscio. Poi lunedì mattina, improvvisamente, si è scatenato l’inferno e proprio attorno alle popolari. Solo un caso o la #voltabuona ancora una volta è stata la #voltabuonapergliamici?

@censurarossa

Articolo pubblicato su IMGPress.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: