Archivi tag: Bambini

Un bambino su dieci è povero

di Luca Liverani

Un bambino ogni dieci è povero. Non in qualche ‘paese in via di svilup­po’, ma qui da noi, in Italia. E la cosa ancora più grave è che un disagio che cresce: nel 2007 era­no 550mila, ora sono un milio­ne, con un’accelerazione cre­scente, se nel 2012 sono au­mentati del 30% rispetto all’an­no precedente, un aumento che al Nord è addirittura del 43%. È una fotografia drammatica quel­la scattata dal dossier ‘L’Italia SottoSopra’, il 4° ‘Atlante del­l’Infanzia (a rischio)’ stilato da Save the Children e diffuso a Ro­ma, che sottolinea la stretta re­lazione fra povertà e bassi livelli di istruzione, competenze, salu­te, opportunità di bambini e ra­gazzi.

La povertà, per un milione e 344mila minori, significa disa­gio abitativo. Del milione di mi­nori in povertà assoluta, 650mi­la vivono in Comuni in default o sull’orlo del fallimento, e per la prima volta è di segno nega­tivo la percentuale di bambini presi in carico dagli asili pub­blici, scesa dello 0,5%. Il rap­porto, che elabora dati Istat, se­gnala anche che il 22,2% di ra­gazzini è in sovrappeso e il 10,6% in condizioni di obesità. Grassi i bimbi poveri? Sembra un paradosso, ma il cibo buo­no e lo sport costano e le fami­glie hanno ridotto i consumi e gli acquisti (-138 euro in media al mese), anche alimentari.

Per libri e scuola il budget è di 11 euro mensili nelle famiglie più disagiate, cifra 20 volte inferiore a quella del 10% delle famiglie più ricche. «In questa fase di cri­si – commenta Valerio Neri, di­rettore generale Save the Chil­dren Italia – i bambini e gli ado­lescenti si ritrovano stretti in u­na morsa: da una parte c’è la dif­ficoltà di famiglie impoverite, spesso costrette a tagliare i con­sumi, dall’altra c’è il grave mo­mento che attraversa il Paese, con i conti in disordine, la crisi del welfare, i tagli dei fondi al­l’infanzia, progetti che chiudo­no. In mezzo, loro». Per Save the Children «la febbre è troppo al­ta e persistente e i palliativi non bastano più, serve una cura for­te e strutturata». E la cura è «in­vestire in formazione e scuola di qualità. La recessione non è ini­ziata soltanto 5 anni fa in conse­guenza della crisi dei mutui sub­prime o degli attacchi speculati­vi all’euro – conclude Neri – ma affonda le sue radici nella crisi del ‘capitale umano’, determi­nata dal mancato investimento, a tutti livelli, sui beni più prezio­si di cui disponiamo: i bambini, la loro formazione e conoscen­za. Sotto questo aspetto, l’Atlan­te non offre solo una mappa di ciò che non va, ma mostra bene in controluce ciò che si può e si deve fare per rimettere a posto le cose».

Per consultare l’Atlante www.savethechildren.it, con la mappa delle diverse Regioni.

© Avvenire, 11 dicembre 2013

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: