Archivi tag: Solidarietà

Qualcosa che non mi torna rispetto a fare il “bene”

image-1Nel praticare il bene verso il prossimo (ciò che oggi semplifichiamo con il termine “volontariato”) alcuni si pongono in una posizione alquanto ambigua se non, in alcuni casi, pericolosa. Da un lato si beano in continuazione del fatto che loro, nel portare avanti la propria opera, non hanno bisogno di nessun’altra risorsa che non sia quella esclusiva dei volontari, dall’altro tendono a occupare tutti gli spazi possibili con atteggiamento egemonico. Il pericolo sta nel porsi e nel porre agli altri la propria azione come l’unica possibile, sottintendendo così come ogni altro tentativo abbia un valore infinitamente più piccolo rispetto al proprio.

Carità però è qualcosa di diverso dalla volontàLa carità origina da una gratitudine vissuta e sperimentata, la volontà invece dipende sempre e comunque dal sentire dell’uomo e dunque è soggetta agli umori di quest’ultimo. La carità non egemonizza, la carità condivide… non solo il “bene”, condivide anche e soprattutto i “beni”.

Annunci

Un bambino su dieci è povero

di Luca Liverani

Un bambino ogni dieci è povero. Non in qualche ‘paese in via di svilup­po’, ma qui da noi, in Italia. E la cosa ancora più grave è che un disagio che cresce: nel 2007 era­no 550mila, ora sono un milio­ne, con un’accelerazione cre­scente, se nel 2012 sono au­mentati del 30% rispetto all’an­no precedente, un aumento che al Nord è addirittura del 43%. È una fotografia drammatica quel­la scattata dal dossier ‘L’Italia SottoSopra’, il 4° ‘Atlante del­l’Infanzia (a rischio)’ stilato da Save the Children e diffuso a Ro­ma, che sottolinea la stretta re­lazione fra povertà e bassi livelli di istruzione, competenze, salu­te, opportunità di bambini e ra­gazzi.

La povertà, per un milione e 344mila minori, significa disa­gio abitativo. Del milione di mi­nori in povertà assoluta, 650mi­la vivono in Comuni in default o sull’orlo del fallimento, e per la prima volta è di segno nega­tivo la percentuale di bambini presi in carico dagli asili pub­blici, scesa dello 0,5%. Il rap­porto, che elabora dati Istat, se­gnala anche che il 22,2% di ra­gazzini è in sovrappeso e il 10,6% in condizioni di obesità. Grassi i bimbi poveri? Sembra un paradosso, ma il cibo buo­no e lo sport costano e le fami­glie hanno ridotto i consumi e gli acquisti (-138 euro in media al mese), anche alimentari.

Per libri e scuola il budget è di 11 euro mensili nelle famiglie più disagiate, cifra 20 volte inferiore a quella del 10% delle famiglie più ricche. «In questa fase di cri­si – commenta Valerio Neri, di­rettore generale Save the Chil­dren Italia – i bambini e gli ado­lescenti si ritrovano stretti in u­na morsa: da una parte c’è la dif­ficoltà di famiglie impoverite, spesso costrette a tagliare i con­sumi, dall’altra c’è il grave mo­mento che attraversa il Paese, con i conti in disordine, la crisi del welfare, i tagli dei fondi al­l’infanzia, progetti che chiudo­no. In mezzo, loro». Per Save the Children «la febbre è troppo al­ta e persistente e i palliativi non bastano più, serve una cura for­te e strutturata». E la cura è «in­vestire in formazione e scuola di qualità. La recessione non è ini­ziata soltanto 5 anni fa in conse­guenza della crisi dei mutui sub­prime o degli attacchi speculati­vi all’euro – conclude Neri – ma affonda le sue radici nella crisi del ‘capitale umano’, determi­nata dal mancato investimento, a tutti livelli, sui beni più prezio­si di cui disponiamo: i bambini, la loro formazione e conoscen­za. Sotto questo aspetto, l’Atlan­te non offre solo una mappa di ciò che non va, ma mostra bene in controluce ciò che si può e si deve fare per rimettere a posto le cose».

Per consultare l’Atlante www.savethechildren.it, con la mappa delle diverse Regioni.

© Avvenire, 11 dicembre 2013

Uno tsunami solidale per sfamare il mondo

«Una sola famiglia, cibo per tutti»: la campagna mondiale della Caritas. L’iniziativa sostenuta da un video messaggio di Papa Francesco che esorta a «non girarci dall’altra parte»

di Salvatore Mazza

È partita lunedì – all’alba di quello che per noi era ancora ‘ieri’ – da Sa­moa, e a quest’ora ha già attraver­sato il pianeta. Bangladesh, Giordania, Grecia, Bosnia, Italia, Africa, America La­tina, Stati Uniti, Canada. Un’onda di pre­ghiera, e mai come questa volta si può spe­rare che diventi uno tsunami, per unire tutto il mondo nella lotta contro la fame. È la campagna globa­le che con lo slogan ‘Una sola famiglia, cibo per tutti’ la Cari­tas internationalis ha presentato ieri a Roma, sostenuta dall’«appoggio convinto» di Papa Francesco che in un suo vi­deomessaggio (che abbiamo pubblicato ieri su queste pagine) esorta, di fronte a questo «scandalo mondiale» che coinvolge «un miliardo di persone», a «non girarci dall’altra parte e far fin­ta che questo non esista. Il cibo a disposizione nel mondo ba­sterebbe a sfamare tutti». Con questa iniziativa, ha spiegato il segretario generale di Ca­ritas internationalis, Michel Roy, «vogliamo spingere i governi del mondo a onorare i loro impegni, visto che l’obiettivo di svi­luppo del millennio che prevedeva di dimezzare, entro il 2015, il numero di persone che soffrono la fame nel mondo, molto probabilmente non verrà raggiunto». Tre gli assi portanti della campagna, che ognuna delle 164 Caritas nazionali coniugherà a modo suo con iniziative ed eventi: «Educare e mobilitare per­sone e governi; agire attraverso progetti concreti; partecipazio­ne dei poveri». Un «movimento così globale può portare il cam­biamento necessario», secondo Roy, che ha spiegato come, tra le sue date importanti, avrà anche la par­tecipazione all’Expo di Milano nel 2015. Alla conferenza stampa avrebbe dovuto essere presente anche il cardinale Peter Kodwo Turkson, presidente del Pontificio Consiglio giustizia e pace, che tuttavia ie­ri era in Sud Africa quale inviato del Pa­pa al funerale di Nelson Mandela. E pro­prio all’esempio di Madiba, che «crede­va e lottava affinché i diritti e i bisogni di tutti fossero rispettati», ha richiamato Turkson nel messaggio inviato alla presentazione della cam­pagna, la quale, ha scritto, «ci invita tutti a seguire il suo esem­pio, perché quando viviamo come fossimo una sola famiglia il cibo per tutti c’è». Padre Ambroise Tine, segretario esecutivo di Caritas Senegal, ha fatto notare che in Africa e in Europa «man­cano oggi leader come Mandela, che sanno l’importanza della giustizia e della pace per il rispetto della dignità e dello svilup­po dei popoli». Tanto più che, come hanno messo in evidenza don Enrico Feroci, direttore della Caritas diocesana di Roma, e Ferruccio Ferrante, di Caritas italiana, il problema tocca anche le società sviluppate come la nostra, nella quale si stimano in circa quattro milioni le persone in povertà alimentare. Le sole Caritas diocesane promuovono 111 mense sociali, che distri­buiscono 1 milione e mezzo di pasti l’anno. Non solo: «Negli ul­timi anni c’è stato un aumento di richieste di aiuti alimentari, dal 40 al 60%, che arriva al 75% se si considerano tutti gli aiuti materiali». Nella sola Roma, ha ricordato Feroci, nel 2012 sono stati forniti aiuti alimentari a 3.805 persone, per un valore di 1 milione e 220mila euro.

© Avvenire, 11 dicembre 2013

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: