Archivi tag: Stretto

Reset! aderisce alla mobilitazione e propone di integrare il “Manifesto per una mobilità di tutti”

Pubblichiamo il comunicato stampa ricevuto da reset! circa la manifestazione di sabato 14 febbraio circa la continuità territoriale.

Circa un mese fa abbiamo proposto l’iniziativa “#MessinaAnnoZero” che, notizia della quale non possiamo che compiacerci, è condivisa anche dal Sindaco Accorinti e dall’Assessore Pino che ce lo hanno anticipato proprio prima dell’assemblea sui trasporti nell’Area dello Stretto tenutosi nel Salone dei Mosaici di Venerdì scorso.

Chi come noi ha auspicato che gli interessi della Città vengano prima, sempre e comunque, non potrà quindi che essere presente alla mobilitazione di Sabato 14 Febbraio.
La nostra adesione è come sempre accompagnata da alcune proposte che, cosa che chiediamo formalmente e pubblicamente agli organizzatori della Manifestazione, vorremmo venissero incardinate all’interno del “Manifesto”:
1. La scelta di una mobilitazione che mira a tenere assieme tutte le forze politiche, anche in modo trasversale, non si deve però tramutare o limitare ad un’azione dimostrativa e demagogica che salvi tutti a prescindere dai rapporti e ruoli istituzionali che si rivestono. Constatiamo con piacere che anche alcuni degli organizzatori della Mobilitazione e molti dei sottoscrittori del Manifesto sono anche referenti sul territorio del Governo Renzi. Visto però che le soluzioni tecniche, anche le più innovative ed economicamente vantaggiose, avranno bisogno di un avallo Politico chiediamo, ad uno ad uno, a tutti i referenti politici di PD, UDC e NCD che parteciperanno alla mobilitazione di Sabato, ma anche a quelli che non lo faranno, di chiarire pubblicamente e di inserire nel manifesto quali misure ed impegni intendono prendere nei confronti dei propri referenti e dei propri Partiti nel caso in cui il Governo non risolva la questione accettando le proposte del territorio. Si ricordino, ma siamo certi che lo sanno benissimo, che i loro unici interlocutori restano i Cittadini che rappresentano. Se hanno senso di responsabilità ed un approccio etico alla Politica non avranno dubbi e/o difficoltà nello scegliere con chi schierarsi. In tal senso la situazione Politica nazionale e le vicende legate alla fine del “Patto del Nazareno” accrescono il peso dei nostri rappresentanti e dunque se vi sarà unità d’intenti esistono tutte le condizioni Politiche per chiedere con forza che per una volta il nostro territorio non venga depredato. Serve insomma uno scatto di orgoglio! Tale considerazione vale anche per il Presidente Crocetta che, così come gli altri rappresentanti Politici, al di là dei proclami e nel caso in cui le cose non dovessero andare come invece ci auguriamo dovranno prendere atto del fallimento e rimettere la delega che i cittadini gli hanno attribuito col voto. Insomma facciamo in modo che questa ennesima vertenza divenga una “Verifica Politica” capace di evidenziare ai cittadini le differenze enormi che esistono tra chi ha a cuore le sorti del nostro territorio e chi invece vuol fare solo demagogia, speculazione politica e gli interessi di pochi.
Onori ed oneri o meglio, o GUARDIE o LADRI DEI DIRITTI DEI CITTADINI!
2. Chiediamo a tutti i Cittadini che parteciperanno alla mobilitazione di portare con sé la propria tessera elettorale. L’obiettivo di tale proposta non è certamente quello di distruggere le tessere ma solo quello di rimarcare con forza il Nostro Diritto di Cittadinanza, il nostro essere Cittadini Italiani. Agitare tutti assieme le nostre tessere elettorali sarà un gesto simbolico di grande rilevanza capace, al tempo stesso, di sottolineare come non sia accettabile che chi ci Governa non rispetti i DIRITTI COSTITUZIONALI e ricordare ai rappresentanti Politici Nazionali, Regionali e Locali che hanno ricevuto una DELEGA e dunque prima che ai rappresentanti dei Partiti devono rendere conto ai CITTADINI.
3. Condividiamo le proposte della CISL e del Prof. Limosani poiché mirano a costruire, definitivamente e finalmente, un Piano dei Trasporti dell’Area dello Stretto serio e chiaro. Altresì, non individuando alcuna contraddizione tra tali proposte e quella dell’ORSA, consideriamo la soluzione tecnica delle Navi Bidirezionali, come quelle utilizzate per la tratta “Amburgo – Copenaghen”, complementare a quelle suggerite dalla CISL e dal Prof. Limosani poiché tali navi sarebbero capaci di migliorare il servizio e ridurre drasticamente i tempi ed i costi di attraversamento dello Stretto. Invitiamo tutti, noi per primi, a sforzarsi per individuare nelle singole proposte tecniche innanzitutto i punti di contatto e non quelli di frizione al fine di ELABORARE UNA PROPOSTA OPERATIVA UNICA E CONDIVISA. Crediamo ve ne siano le competenze e le possibilità anche perché, vista la gravità della situazione, alternative non ne intravediamo.

reset c’è!

Annunci

#MESSINA E LA #CONTINUITA’TERRITORIALE? “CU SCECCU PIDDUMMU PURU I CARRUBBA”

Asini

Dopo anni di totale sbornia ideologica e di strenua difesa di un anacronistico concetto di difesa dell’ambiente i nodi sono venuti al pettine e tutti, finalmente, sono stati costretti a prendere atto che il mondo è andato avanti nonostante dalle nostre parti qualcuno si divertisse a fare il rivoluzionario.

Il progresso non si è fermato e in giro per il mondo, nel frattempo in cui a qualcuno piaceva osservare lo Stretto dall’alto del pilone di Torre Faro, sono state costruite infrastrutture di ogni tipo velocizzando e rendendo più fluidi e meno problematici gli spostamenti delle persone e delle merci. In giro per il mondo ci sono stati grandi cambiamenti. Non a Messina. Tantomeno in Sicilia
Continua a leggere →

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: