Qualcosa che non mi torna rispetto a fare il “bene”

image-1Nel praticare il bene verso il prossimo (ciò che oggi semplifichiamo con il termine “volontariato”) alcuni si pongono in una posizione alquanto ambigua se non, in alcuni casi, pericolosa. Da un lato si beano in continuazione del fatto che loro, nel portare avanti la propria opera, non hanno bisogno di nessun’altra risorsa che non sia quella esclusiva dei volontari, dall’altro tendono a occupare tutti gli spazi possibili con atteggiamento egemonico. Il pericolo sta nel porsi e nel porre agli altri la propria azione come l’unica possibile, sottintendendo così come ogni altro tentativo abbia un valore infinitamente più piccolo rispetto al proprio.

Carità però è qualcosa di diverso dalla volontàLa carità origina da una gratitudine vissuta e sperimentata, la volontà invece dipende sempre e comunque dal sentire dell’uomo e dunque è soggetta agli umori di quest’ultimo. La carità non egemonizza, la carità condivide… non solo il “bene”, condivide anche e soprattutto i “beni”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: